Il Mercato Elettronico della PA
www.acquistinretepa.it

Il Mepa: cos’è
Il Mercato Elettronico della PA (MEPA) è  uno strumento di eProcurement pubblico, gestito da Consip per conto del Ministero Economia e Finanze. Si tratta di un mercato interamente virtuale in cui le amministrazioni acquirenti e i potenziali fornitori si incontrano, negoziano e perfezionano on line contratti di fornitura legalmente validi. L’utilizzo della firma digitale infatti permette a PA e fornitori di conferire valore legale ai documenti pubblicati e consentire il perfezionamento dei contratti di acquisto.

Le PA possono ricercare, confrontare ed acquisire i beni ed i servizi, per valori inferiori alla soglia comunitaria, proposti dalle aziende fornitrici “abilitate” a presentare i propri cataloghi sul sistema. I prodotti ed i servizi sono presentati in cataloghi strutturati e descritti nel rispetto di formati standard e secondo le regole e le condizioni definite da  Consip per ciascun bando merceologico. Gli acquisti possono essere effettuati secondo 2 modalità: l’Ordine diretto (ODA), cioè l’acquisto diretto da catalogo in base alle offerte pubblicate dai fornitori, o la Richiesta di offerta (RdO) grazie alla quale l’amministrazione può richiedere ai fornitori, selezionandoli liberamente tra quelli abilitati,  diverse e ulteriori offerte personalizzate sulla base di specifiche esigenze.

Vai nel sito e guarda: tutte le PA che utilizzano il MEPA per i propri acquisti

Le novità introdotte dai decreti sulla spending review
L’art. 7 co. 2 del decreto n. 52/2012 – disposizioni urgenti per la razionalizzazione della spesa pubblica – convertito con modificazioni in L. 6 luglio 2012, n. 94, – modifica il comma 450 dell’art.1 della Legge 296/2006 (Legge Finanziaria 2007) che prevedeva l’obbligo di adesione al Mercato Elettronico della PA per le Amministrazioni Centrali e Periferiche, estendendo tale obbligo alle restanti Amministrazioni pubbliche (di cui all’articolo 1 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165).

Il d.l. 6-7-2012 n. 95, convertito in legge 7 agosto 2012, n. 135 all’art. 1, rubricato <Riduzione della spesa per l’acquisto di beni e servizi e trasparenza delle procedure> ha stabilito – a far data dal 15 agosto 2012 – la nullità dei contratti stipulati in violazione dell’articolo 26, comma 3 della legge 23 dicembre 1999, n. 488 e dei contratti stipulati in violazione degli obblighi di approvvigionarsi attraverso gli strumenti di acquisto messi a disposizione da Consip S.p.A.- a tanto aggiungasi che,  tale violazione, costituisce illecito disciplinare ed è causa di responsabilità amministrativa.

Vai nel sito e guarda: la tabella obblighi e facoltà

I vantaggi per le imprese nell’utilizzo del Mepa
•    disponibilità di un nuovo canale di vendita verso la PA senza spese di ammissione con conseguente ampliamento del mercato potenziale e della visibilità della propria offerta
•    diminuzione dei tempi e dei costi di vendita derivante dalla riduzione dei costi di intermediazione e di gestione del processo di vendita
–    sensibile riduzione della documentazione da presentare per ogni gara
–    maggior snellezza e velocità delle fasi di presentazione dell’offerta grazie anche alla chiarezza e completezza della documentazione di bando già predisposta
•    aggiornamento della propria offerta grazie al dinamismo dei cataloghi che permette di attuare delle specifiche strategie commerciali volte ad esempio a smaltire overstock o saturare la propria capacità produttiva

Vai nel sito e guarda: quali imprese già utilizzano il Mepa per vendere alle PA

Cosa puoi vendere con il Mepa
Possono richiedere l’abilitazione al Mercato Elettronico tutte le imprese che abbiano prodotti che rientrano nelle seguenti categorie merceologiche:
- Arredi e complementi di arredo
- Cancelleria ad uso ufficio e didattico
- Dispositivi di protezione individuale
- Prodotti accessori e materiali di consumo per l’ufficio
- Servizi di igiene ambientale
- Servizi di manutenzione impianti elettrici
- Servizi di manutenzione impianti elevatori
- Conduzione e manutenzione impianti Termoidraulici e di Condizionamento
- Servizi di manutenzione degli  impianti antincendio
- Beni e servizi ICT
- Materiale elettrico
- Materiale igienico sanitario
- Beni e servizi per la Sanita’
- Veicoli e mobilità sostenibile
- Fonti rinnovabili
- Servizi per eventi
- Mepi (Soluzioni integrate multimediali per le scuole)

Vai nel sito e guarda: tutti i beni e servizi per cui puoi richiedere l’abilitazione

Cosa devi fare per abilitarti al Mepa
I requisiti richiesti alle imprese per abilitarsi e quindi pubblicare il proprio catalogo sul MePa sono minimi: essere iscritti alla CCIAA, avere un PC, la connessione ad Internet e la firma digitale, avere un fatturato nell’anno precedente pari a 25.000 euro.

Per aiutare le imprese ad abilitarsi, Consip e Confcommercio Imprese per l’Italia provincia di Ancona hanno attivato sul territorio  uno Sportello al quale le imprese possono rivolgersi per ricevere spiegazioni sulle modalità di utilizzo del Mercato Elettronico, per presentare la domanda di abilitazione e per essere assistite anche in seguito ad operare sul Mercato Elettronico.

(Andrea Barca, P.zza Repubblica 1, tel.0712291505 – sportellimprese@confcommercio.an.it )

Le imprese che vogliono abilitarsi presso lo sportello dovranno essere munite di:

  • Kit di firma digitale (smart card) del legale rappresentante e pin; Lettore smart card compatibile con la firma; ovvero Business Key;
  • La visura camerale per indicare i dati identificativi dell’impresa: la sede legale, i dati del registro imprese, Amministratori, Poteri, l’oggetto sociale.
  • Dati di Iscrizione all’INPS per indicare la Matricola aziendale INPS;
  • Dati di Iscrizione all’INAIL per indicare il Codice Ditta INAIL e la Posizione Assicurativa Territoriale – P.A.T.;
  • CCNL applicato ed il Settore;
  • Verranno richieste inoltre le seguenti dichiarazioni
  • Fatturato specifico relativo all’anno precedente la richiesta;
  • 1 catalogo cartaceo/elettronico con i prodotti che si vogliono inserire nel catalogo on line